Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00109-2020 del 03/19/2020






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00109-2020


Data di pubblicazione: 03/19/2020

Coronavirus: Decreto “Cura Italia”: misure finanziarie a sostegno delle imprese

Il decreto “Cura Italia “(decreto legge del 17/3/2020, n. 18 cliccare qui) prevede alcune misure a sostegno della liquidità e ulteriori garanzie a favore delle imprese, delle famiglie e del sistema bancario. Il decreto è entrato in vigore il 17 marzo 2020 e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge. La presente notizia contiene una sintesi delle principali misure.




1) Fondo di garanzia: (Art. 49)

Viene previsto il rifinanziamento del Fondo (cliccare qui per conoscere il suo funzionamento) per 1,5 miliardi di euro e si introducono le seguenti deroghe al regime ordinario valide per 9 mesi:

- gratuità della garanzia del Fondo;

- innalzamento dell’importo massimo garantito a 5 milioni di euro (il limite precedente era 2,5 milioni di euro);

- ammissibilità alla garanzia di operazioni di rinegoziazione del debito;

- prolungamento automatico della garanzia nell'ipotesi di moratoria o sospensione del finanziamento, prevista per norma o su base volontaria, correlata all'emergenza Coronavirus.

- Si stabilisce inoltre che, per le operazioni finanziarie di importo fino a 100.000 euro, ai fini della valutazione per l’accesso al Fondo, la probabilità di inadempimento delle imprese sarà determinata esclusivamente sulla base del modulo economico-finanziario.

- Possibilità di cumulare la garanzia del Fondo con altre forme di garanzia, anche ipotecarie, per operazioni di importo superiore a 500.000 euro e durata minima di 10 anni nei settori turistico alberghiero e immobiliare.

2) Modifiche alla disciplina del Fondo per l’indennizzo dei risparmiatori -FIR (Art 50)


- la Commissione tecnica, in attesa della predisposizione del piano di riparto, potrà autorizzare il conferimento di un anticipo pari al 40% dell’importo dell’indennizzo deliberato a seguito del completamento dell’esame istruttorio;
- proroga dal 18 aprile 2020 al 18 giugno 2020 del termine ultimo per il deposito delle istanze di indennizzo.

3) Fondo Gasparrini (Art. 54)

Viene prevista l’estensione dell'ambito operativo del Fondo Gasparrini (Fondo di solidarietà, legge n. 244/2007) che consente ai titolari di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate, fino a 18 mesi, al verificarsi di specifiche situazioni di temporanea difficoltà, destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare (ad es. cessazione del rapporto di lavoro).

Con il decreto legge n. 9/2020 (art. 26) è stata introdotta la possibilità di accedere al Fondo anche nelle ipotesi di sospensione dal lavoro o riduzione dell'orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni.

Vengono ammesse ai benefici del Fondo anche i lavoratori autonomi e i liberi professionisti che autocertifichino di aver registrato un certo calo del fatturato (vedi dettagli nel decreto) in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività per l’emergenza Coronavirus.


4) Moratoria straordinaria (Art. 56)

Per aiutare le micro, piccole e medie imprese a superare la fase più critica della caduta produttiva connessa con l’epidemia Covid-19 viene prevista una moratoria straordinaria.

In particolare, viene disposto che:

- le linee di credito accordate “sino a revoca” e i finanziamenti accordati a fronte di anticipi su crediti non potranno essere revocati fino al 30 settembre 2020;

- i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020 dovranno essere prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità, fino al 30 settembre 2020 alle medesime condizioni;

- il pagamento delle rate di prestiti con scadenza anteriore al 30 settembre 2020 dovrà essere riscadenzato sulla base degli accordi tra le parti o, in ogni caso, sospeso almeno fino al 30 settembre 2020.

Su richiesta del soggetto finanziatore (banche, società di leasing) le operazioni oggetto delle misure di sostegno sono ammesse, senza valutazione, alla garanzia di un’apposita sezione speciale del Fondo di Garanzia.


5) Supporto alla liquidità delle imprese (Art 57)


Per supportare la liquidità delle imprese colpite dall’emergenza da Coronavirus viene consentito:

- alle banche, con il supporto di Cassa depositi e prestiti S.p.A. (CDP), di erogare più agevolmente finanziamenti alle imprese che hanno subito una riduzione del fatturato;

- a CDP di supportare le banche, che erogano i predetti finanziamenti, tramite specifici strumenti;

- allo Stato di concedere controgaranzie fino ad un massimo dell’80% delle esposizioni assunte da CDP e a condizioni di mercato.

6) SIMEST: sospensione dei finanziamenti agevolati (Art. 58)

Viene prevista la sospensione dei rimborsi delle rate in scadenza nel 2020 dei finanziamenti del fondo 394, gestito dalla Simest e diretto al sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese.

7) Misure per l’internazionalizzazione (Art. 72)

Viene istituito il “Fondo per la promozione integrata” che prevede agevolazioni per l’internazionalizzazione (ad es per sostenere campagne di promozione in determinati settori).

8) Ulteriori informazioni

Ulteriori dettagli sono contenuti nel testo del decreto e all’interno di Assoimprenditori vengono fornite da Georg Müller (tel. 0471/220444, g.mueller@assoimprenditori.bz.it).






Riferimenti: Georg Mueller - g.mueller@unternehmerverband.bz.it



© Assoimprenditori Alto Adige - 2020