Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00006-2020 del 01/10/2020






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00006-2020


Data di pubblicazione: 01/10/2020

Agevolazioni provinciali per la mobilità elettrica – in vigore criteri rielaborati: è possibile presentare le domande

Di recente la Giunta provinciale ha approvato criteri di agevolazione rielaborati per l’acquisto di auto elettriche e stazioni di ricarica. Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese che esercitano un’attività economica in Alto Adige. Le agevolazioni vengono concesse nell’ambito della regola del de-minimis (200.000 euro nel triennio). La presente notizia illustra ulteriori dettagli della misura agevolativa.



1 Beneficiari e presupposti di accesso

Possono accedere alle agevolazioni le imprese iscritte nel registro delle imprese della Camera di Commercio di Bolzano.
I beneficiari delle agevolazioni devono svolgere un’attività economica in Provincia di Bolzano (sono escluse le seguenti attività: agricoltura, silvicoltura e pesca; lotterie, scommesse, case da gioco).

Sono ammissibili a contributo solo gli investimenti da realizzare nell’ambito dell’attività di impresa svolta sul territorio della Provincia di Bolzano e che hanno una ricaduta diretta sulla stessa.

Non sono ammessi a contributo gli investimenti che sono oggetto di commercio o che sono destinati al noleggio.

2 Investimenti agevolabili e misura dell’agevolazione

Sono ammissibili a contributo gli investimenti riguardanti esclusivamente i seguenti veicoli nuovi di fabbrica e le seguenti attrezzature nuove di fabbrica, e in particolare:

a) l’acquisto o il noleggio dei seguenti veicoli della categoria M1 per il trasporto di persone, nonché delle categorie N1 e N2 per il trasporto di merci:

a1) veicoli elettrici a batteria BEV (Battery Electric Vehicles), veicoli a celle a combustibile H2 FCEV (Fuel Cell Electric Vehicles) e veicoli elettrici a batteria con range extender (BEV con REX) con batterie di capacità di almeno 15 kWh; questi ultimi veicoli non possono produrre più di 70 g di emissioni di CO2 per km; contributo: 2.000 euro.

a2) veicoli ibridi plug-in PHEV (Plug-In-Hybrid Electric Vehicles); questi veicoli non possono produrre più di 70 g di emissioni di CO2 per km; contributo: 1.000 euro.

Nel caso di acquisizione in proprietà del bene mobile, i contributi sopra menzionati vengono concessi a condizione che il rivenditore conceda una riduzione del prezzo almeno di pari importo.

b) l’acquisto o il noleggio di veicoli elettrici a due, tre o quattro ruote appartenenti alle categorie L1e-B, L2e, L3e, L5e e L6e o di veicoli elettrici pesanti a quattro ruote della categoria L7e; il contributo ammonta al 30 % per un importo massimo di 1.000 euro;

c) l’acquisto di biciclette cargo; il contributo ammonta al 30 % per un importo massimo di 1.500 euro;

d) l’acquisto e l’installazione di stazioni di ricarica per veicoli elettrici o la stipula di contratti di vendita con riserva della proprietà aventi ad oggetto, anche non in via esclusiva, l’installazione di una stazione di ricarica da parte del fornitore del servizio. Tali contratti hanno una durata massima di nove anni. Contributo previsto: 70% dei costi ammissibili fino a un massimo di 1.000 euro. Il contributo può essere concesso, nella stessa misura, anche per le sole spese di allacciamento e installazione di una o più stazioni di ricarica, a condizione che siano messe a disposizione a titolo gratuito.

I contratti di noleggio a lungo termine e di leasing per i beni mobili di cui al comma 1 (lettere a, b e c), devono avere una durata di almeno due anni.

3 Consegna delle domande

È ammessa la presentazione di una domanda all’anno per impresa. La domanda va presentata all’Ufficio provinciale Commercio e servizi esclusivamente online, attraverso il servizio “Domanda di contributo per investimenti aziendali per lo sviluppo della mobilità elettrica” dell’Amministrazione provinciale (cliccare qui).

A pena di esclusione le domande devono essere presentate prima della realizzazione dell’investimento per il quale si richiede l’agevolazione.

Quale data di presentazione fa fede il giorno nel quale la domanda viene registrata nel sistema. La domanda si considera presentata regolarmente se il richiedente riceve dal sistema la relativa conferma.

Importante:

L’accesso ai servizi e-government da parte dei richiedenti avviene esclusivamente mediante il Servizio Pubblico di Identità Digitale (SPID).

In caso di indisponibilità certificata del sistema è possibile presentare la domanda via PEC sul modulo predisposto dall’ufficio, fermo restando l’obbligo di inserimento della domanda nel sistema non appena questo sarà riattivato.

La domanda deve essere corredata dai preventivi di spesa degli investimenti programmati.

4 Concessione e liquidazione del contributo

La liquidazione del contributo avviene dopo la realizzazione dell’investimento, sulla base del rendiconto finale di spesa e solo se il progetto realizzato corrisponde a quello previsto nella domanda.

La domanda di liquidazione deve essere presentata esclusivamente online attraverso il servizio e-government dell’Amministrazione provinciale, unitamente alla documentazione di spesa in formato pdf.

I documenti necessari per la rendicontazione vengono indicati nei criteri di agevolazione (art. 8).

La rendicontazione finale della spesa va presentata all’ufficio competente entro la fine dell’anno successivo a quello del provvedimento di concessione o di imputazione della spesa, se diverso. Per gravi e motivate ragioni l’ufficio competente può concedere una proroga fino ad un ulteriore anno.

La concessione del contributo o il rigetto della domanda sono disposti con decreto del direttore/della direttrice della Ripartizione provinciale Economia.

Importante: La concessione dei contributi di cui ai presenti criteri avviene fino alla concorrenza delle risorse stanziate. Se i mezzi finanziari messi a disposizione non fossero sufficienti, la misura dell’agevolazione potrebbe essere ridotta o le domande potranno essere archiviate.

5 Ulteriori informazioni

I criteri di agevolazione (vedi allegato), contenenti ulteriori dettagli, trovano applicazione per le domande presentate nel periodo 2020-2022. La persona di riferimento all’interno di Assoimprenditori è Georg Müller (Tel. 0471/220444, E-Mail: g.mueller@assoimprenditori.bz.it).

6 Misure per la mobilità sostenibile #greenmobilitybz

Le agevolazioni per i veicoli elettrici fanno parte di un più vasto pacchetto di misure per la mobilità sostenibile all’insegna dei temi giuda greenmobilitybz e #viaggiaresmart. Per la loro implementazione vengono messe in atto diverse misure: accanto alle agevolazioni per veicoli elettrici e stazioni di ricarica esistono anche agevolazioni per privati che acquistano veicoli elettrici e installano stazioni di ricarica.
Ulteriori informazioni su questo tema possono essere scaricate qui:

http://www.provincia.bz.it/turismo-mobilita/mobilita/mobilita-sicura-sostenibile/greenmobilitybz.asp


BeschlussDeliberazione.pdf (750KB)





Riferimenti: Georg Mueller - g.mueller@unternehmerverband.bz.it



© Assoimprenditori Alto Adige - 2020