Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00193-2019 del 09/11/2019






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00193-2019


Data di pubblicazione: 09/11/2019

INPS: incremento contributo addizionale NASpI per rinnovo contratti a termine

Con messaggio n. 121 del 06.09.2019, l’Inps detta le istruzioni per la gestione dell’incremento del contributo addizionale NASpI dovuto nei casi di rinnovo del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato intervenuti dal 14 luglio 2018.

Ricordiamo che la legge n. 92/2012 (art. 2, comma 28) ha disposto che ai rapporti di lavoro subordinato non a tempo indeterminato si applica un contributo addizionale, a carico del datore di lavoro, pari all’1,4% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali. Successivamente, il decreto dignità (art. 3, comma 2) ha previsto l’incremento del contributo addizionale, pari a 0,5%, in occasione di ogni rinnovo del contratto a termine, anche in regime di somministrazione di lavoro. Pertanto, l’aumento del contributo addizionale NASpI opera anche nei casi in cui lo stesso utilizzatore abbia instaurato un precedente contratto a termine con il medesimo lavoratore ovvero nell’ipotesi inversa.

In sintesi, al primo rinnovo del contratto a tempo termine, la misura ordinaria del contributo addizionale NASpI, pari all’1,4%, dovrà essere incrementata dello 0,5% (ad esempio: 1,4% + 0,5% = 1,9%). In caso di un ulteriore rinnovo, si dovrà aggiungere nuovamente l’incremento dello 0,5% (ad esempio: 1,4% + 0,5%.+ 0,5% = 2,4%).

Ricordiamo inoltre che la legge n. 92/2012 (art. 2, comma 29) individua i casi di esclusione dall’obbligo di versamento del contributo addizionale e, conseguentemente, dell’aumento dello stesso in caso di rinnovo:


    - Lavoratori assunti con contratto a termine in sostituzione di lavoratori assenti;

    - Apprendisti;

    - Lavoratori assunti con contratto a termine per lo svolgimento di attività stagionali di cui al D.P.R. n. 1525/1963. Si precisa che per i lavoratori a termine assunti nell’ambito di attività stagionali non ricomprese nell’elencazione di cui al D.P.R. sopra menzionato, il contributo addizionale NASpI ed il relativo aumento in commento sono dovuti.


Infine, è prevista la restituzione del contributo addizionale e del connesso aumento nelle seguenti fattispecie (art. 2, comma 28, L. n. 92/2012):


    - Trasformazione del contratto a tempo indeterminato;

    - Assunzione del lavoratore a tempo indeterminato entro il termine di 6 mesi dalla cessazione del precedente contratto a termine.


A decorrere dalla competenza di settembre 2019, i datori di lavoro tenuti al versamento della maggiorazione del contributo addizionale NASpI esporranno nel flusso UniEmens i lavoratori per i quali è dovuta la maggiorazione secondo le istruzioni operative indicate nella circolare inps in commento e di seguito allegata.

Per ulteriori informazioni o domande potete rivolgervi al servizio sindacale dell'associazione.


Circolare numero 121 del 06-09-2019.pdf (113KB)





Riferimenti: Federica Tolentino - f.tolentino@assoimprenditori.bz.it



© Assoimprenditori Alto Adige - 2019