Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00211-2019 del 10/09/2019






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00211-2019


Data di pubblicazione: 10/09/2019

Accise: Credito sul gasolio d’autotrazione per il terzo trimestre 2019

E’ disponibile il software per l’istanza di rimborso delle accise sul gasolio per autotrazione, relativa ai consumi effettuati nel terzo trimestre del 2019. La misura del beneficio è di euro 214,18 per mille litri. L’istanza è da presentare entro il 31 ottobre 2019.

Con la Nota n. 137903-RU del 26 settembre 2019, l’Agenzia delle Dogane ha comunicato che entro il 31 ottobre 2019 si possono presentare le istanze di recupero del credito sul gasolio per autotrazione, relativo ai consumi effettuati nel terzo trimestre 2019 (1° luglio – 30 settembre).


La misura dell’agevolazione per il terzo trimestre 2019

Per il terzo trimestre 2019, la misura del beneficio rimane pari a euro 214,18 per mille litri i di prodotto, in relazione ai consumi effettuati tra il 1° luglio e il 30 settembre 2019.

Per la fruizione dell’agevolazione, in compensazione con il Modello F24, deve essere utilizzato il codice-tributo 6740.

Ricordiamo che per effettuare la compensazione è previsto l’obbligo di utilizzare esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate (Entratel o Fisco On line).

Hanno diritto al beneficio:

a) gli esercenti l’attività di autotrasporto merci (per conto terzi e per conto proprio) con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate;

b) gli enti pubblici e le imprese pubbliche locali esercenti l’attività di trasporto (di cui al decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422, e relative leggi regionali di attuazione);

c) le imprese esercenti autoservizi interregionali di competenza statale, autoservizi di competenza regionale e locale e le imprese esercenti autoservizi regolari in ambito comunitario;

d) gli enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico per trasporto di persone.

La Legge di Stabilità 2016 (legge n. 208/2015, art.1, comma 645) ha previsto che, a decorrere dal 1. gennaio 2016, il credito non spetta per i veicoli di categoria ambientale Euro 2 o inferiore (dal 1° gennaio 2015, erano stati già esclusi dal beneficio i veicoli di categoria Euro 0 o inferiori).

Sull’argomento, l’Agenzia delle Dogane precisa che, nell’istanza trimestrale che ha valenza - come noto - di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, l’impresa che richiede il beneficio, attesta l’insussistenza di tale situazione che impedisce il riconoscimento del credito d’imposta, dichiarando che il gasolio consumato per cui si chiede il beneficio non è stato impiegato per il rifornimento dei veicoli di categoria Euro 2 o inferiore.

Gli esercenti l'attività di Trasporto sono tenuti a comprovare i consumi effettuati mediante le relative fatture di acquisto recanti la targa del veicolo rifornito.

La Direzione centrale conferma obbligatorietà, per la fruizione del rimborso, dell’indicazione nella fattura elettronica della targa del veicolo rifornito da impianti di distribuzione carburanti.

La presentazione dell’istanza

Il software di compilazione dell’istanza è presente sul sito Internet dell’Agenzia delle Dogane
https://www.adm.gov.it/portale/benefici-sul-gasolio-per-uso-autotrazione-utilizzato-nel-settore-del-trasporto.-rimborso-sui-quantitativi-di-prodotto-consumati-nel-terzo-trimestre-dell-anno-2019

La dichiarazione cartacea va consegnata, insieme ai relativi dati salvati su supporto informatico - CD rom, DVD o pen drive USB - al competente Ufficio delle Dogane. In alternativa, la dichiarazione può essere trasmessa per mezzo del Servizio Telematico Doganale - E.D.I., previa l’abilitazione dell’operatore.

L’Agenzia segnala, inoltre, che il credito maturato con riferimento al secondo trimestre dell’anno 2019 può essere utilizzato in compensazione entro il 31 dicembre 2020. Da tale data, decorre il termine per la presentazione dell’istanza di rimborso in denaro delle eccedenze non utilizzate in compensazione, la quale dovrà, quindi, essere presentata entro il 30 giugno 2021.

Ricordiamo che a decorrere dal 2012, il credito in esame è escluso dal limite annuo di euro 250.000 per la compensazione nel modello F24.

Per maggiori informazioni rivolgersi al dott. Hubert Gasser (h.gasser@assoimprenditori.bz.it).






Riferimenti: Hubert Gasser - h.gasser@unternehmerverband.bz.it



© Assoimprenditori Alto Adige - 2019