Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00212-2019 del 10/09/2019






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00212-2019


Data di pubblicazione: 10/09/2019

Finanziamento statale “Voucher Innovation Manager” a favore delle PMI: dal 7 novembre 2019 è possibile presentare le domande

A partire dal 7 novembre le piccole e medie imprese (PMI) e le reti d’impresa potranno compilare la domanda per richiedere il “Voucher per l’Innovation manager”. È stato, infatti, pubblicato il decreto del MiSE (link) che disciplina le modalità operative per la concessione dell'agevolazione che avviene nell’ambito della regola “de-minimis”). La misura intende sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese. Di seguito ulteriori dettagli della misura agevolativa.



1 Cos’è il “Voucher Innovation Manager”?

La misura sostiene i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese in determinate aree tematiche (s. veda punto 3 della notizia) attraverso l’introduzione in azienda di figure manageriali in grado di sostenere e implementare tali processi.

La dotazione finanziaria prevista è pari a 50 milioni di euro per gli anni 2019 e 2020.

2 A chi si rivolge?

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese operanti su tutto il territorio nazionale e le reti d’impresa composte da un numero non inferiore a tre PMI con i requisiti richiesti.

3 Spese ammissibili

Sono ammissibili al contributo le spese sostenute a fronte di prestazioni di consulenza specialistica rese da un manager dell’innovazione inserito temporaneamente nell’impresa/rete d’impresa, con un contratto di consulenza di durata non inferiore a nove mesi.

Per manager dell’innovazione si intende un manager iscritto nell’apposito elenco costituito dal Ministero dello sviluppo economico oppure indicato da una società iscritta nello stesso elenco.

Nella di notizia di Assoimprenditori n. 188/2019 vengono illustrati i termini e le modalità per l’iscrizione a suddetto elenco.

La consulenza deve riguardare:

a) i processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale delle imprese e delle reti attraverso l’applicazione di una o più delle tecnologie abilitanti.

Questi sono:

-big data e analisi dei dati;
-cloud, fog e quantum computing;
-cyber security;
-integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, anche e con particolare riguardo alle produzioni di natura tradizionale;
-simulazione e sistemi cyber-fisici;
-prototipazione rapida;
-sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);
-robotica avanzata e collaborativa;
-interfaccia uomo-macchina;
-manifattura additiva e stampa tridimensionale;
-internet delle cose e delle macchine;
-integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
-programmi di digital marketing, quali processi trasformativi e abilitanti per l’innovazione di tutti i processi di valorizzazione di marchi e segni distintivi (c.d. “branding”) e sviluppo commerciale verso mercati;
-programmi di open innovation..

b) Inoltre, le tematiche possono riguardare i processi di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali, attraverso:

-l’applicazione di nuovi metodi organizzativi nelle pratiche commerciali, nelle strategie di gestione aziendale, nell’organizzazione del luogo di lavoro, a condizione che comportino un significativo processo di innovazione organizzativa dell’impresa;

-l’avvio di percorsi finalizzati alla quotazione su mercati regolamentati o non regolamentati, alla partecipazione al Programma Elite, all’apertura del capitale di rischio a investitori indipendenti specializzati nel private equity o nel venture capital, all’utilizzo dei nuovi strumenti di finanza alternativa e digitale quali, a titolo esemplificativo, l’equity crowdfunding, l’invoice financing, l’emissione di minibond.

4 Entità delle agevolazioni

L’agevolazione rispetto ai costi sostenuti è costituita da un contributo in regime “de minimis” così strutturato:


Dimensione d’impresaPercentuale di aiuto Aiuto massimo in euro
Micro e piccole imprese50 %40.000
Medie imprese30 %25.000
Reti di imprese50 %80.000
    5 Presentazione delle domande

    Le domande inviate verranno ammesse alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico di presentazione. Sono previste le seguenti fasi:

    -verifica preliminare del possesso dei requisiti di accesso alla procedura informatica, a partire dalle ore 10:00 del 31 ottobre 2019;

    -compilazione della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 7 novembre 2019 e fino alle ore 17.00 del 26 novembre 2019;

    -invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 3 dicembre 2019.

    6 Concessione ed erogazione delle agevolazioni

    Le agevolazioni sono concesse nei limiti della dotazione finanziaria sopraindicata.

    Sono previste delle riserve a favore delle micro e piccole imprese e alle reti d’impresa (25 % delle risorse) ed alle imprese in possesso del rating di legalità (link, 5 % delle risorse);

    La chiusura dello sportello sarà disposta con un apposito decreto nel Ministero.

    L’erogazione dell’agevolazione avviene in due quote, secondo lo stato di avanzamento dell’attività di consulenza.

    7 Ulteriori Informazioni

    Si veda il sito internet del Ministero (cliccare qui).

    La persona di riferimento all’interno di Assoimprenditori è Georg Müller (tel . 0471/220444, g.mueller@assoimprenditori.bz.it).






    Riferimenti: Georg Mueller - g.mueller@unternehmerverband.bz.it



    © Assoimprenditori Alto Adige - 2019