Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00230-2018 del 11/09/2018






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00230-2018


Data di pubblicazione: 11/09/2018

Quali agevolazioni esistono per investimenti aziendali?

La mano pubblica (ad es. l’amministrazione provinciale, i Ministeri ed altri enti statali) prevede numerose agevolazioni per investimenti aziendali. La presente notizia fornisce una panoramica di alcune importanti misure per agevolare investimenti riguardanti beni mobili, immobili e immateriali. Assoimprenditori assiste le imprese associate nella scelta degli strumenti finanziari adatti, nella preparazione e rendicontazione delle domande di contributo.



Avviso: di regola le agevolazioni possono essere concesse alle imprese, se la domanda di contributo viene presentata agli enti competenti prima di effettuare l’investimento. In alcuni casi, però, le domande di contributo vanno consegnate, dopo aver effettuato la spesa. Questo riguarda ad es. le agevolazioni nel settore dell’autotrasporto (punto 1.2) e determinate agevolazioni per il risparmio energetico e per l’utilizzo delle energie rinnovabili (punto 2.2).

1. Agevolazioni per le immobilizzazioni aziendali

1.1. Incentivi a livello locale

a) Finanziamenti agevolati a valere sul fondo di rotazione

Beneficiarie sono le imprese di tutte le dimensioni aziendali e settori (con alcuni eccezioni).

Sono agevolabili beni mobili e immobili, in altre parole:

-l’acquisto, la nuova costruzione, l’ampliamento di immobili aziendali, compreso l‘acquisto di aree produttive;

-impianti, macchinari, attrezzature, hard – e software ed, in alcuni casi, mezzi di trasporto e mezzi speciali.

È ammessa la presentazione di una sola domanda di contributo all‘anno per impresa.

Il limite massimo degli investimenti ammessi ammonta a 1,2 milioni di euro per le piccole imprese e 2 milioni di euro per le medie e grandi imprese.

Il modulo di domanda ed i criteri di agevolazione possono essere scaricati qui:


L’agevolazione viene concessa sotto forma di tasso agevolato tramite banche o società di leasing convenzionate.

Alle grandi imprese l’agevolazione può essere concessa soltanto nell’ambito della regola del de-minimis.

L’ammontare del tasso dipende tra l’altro dalla cosiddetta “quota provinciale” e dall’ammontare del ricarico (“spread”) applicato dalla società finanziatrice.

Le aziende associate possono richiedere ad Assoimprenditori una stima del tasso agevolato per il finanziamento programmato.

b) Digitalizzazione: bando della Camera di Commercio

Vengono agevolate consulenze e investimenti aziendali nel settore della digitalizzazione. Possono fare domanda le piccole e le medie imprese (PMI).

L’investimento minimo ammonta a 5.000 euro, il contributo massimo a 10.000 euro. L’agevolazione prevista è pari al 50 % e viene concessa nell’ambito della regola del de-minimis.

Le domande possono essere presentate dal 12 novembre al 12 dicembre 2018.

Ulteriori informazioni sono contenute nella Notizia n.219/2018 (cliccare qui).

1.2. Incentivi a livello statale

a) Finanziamento “Sabatini”

Sono beneficiarie dell‘agevolazione le piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi (con alcuni esclusioni).

Investimenti ammissibili sono macchinari, impianti, beni strumentali, attrezzature nuove di fabbrica, nonché hardware, software e tecnologie digitali.

Gli investimenti devono rientrare nelle tipologie previste dall’UE (ad es. riguardare la creazione di una nuova unità produttiva oppure l’ampliamento di un'unità produttiva esistente).

L’agevolazione viene concessa in concomitanza con un finanziamento (mutuo o leasing) che non può avere una durata superiore a 5 anni.

Vengono agevolati investimenti di importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro.

L‘agevolazione, concessa in regime di esenzione, ammonta a circa il 7,5 % per investimenti ordinari e a circa il 10 % per investimenti nell’ambito “industria 4.0”.

Lo strumento agevolativo viene gestito dal Ministero dello Sviluppo economico. La domanda di contributo va presentata tramite istituti finanziari convenzionati.

Ulteriori informazione e la domanda di contributo possono essere scaricati qui:


b) Bando nel settore dell‘ autotrasporto

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha stanziato 34 milioni di euro per investimenti da parte delle aziende di autotrasporto merci in conto terzi, regolarmente iscritte all’Albo ed al REN (Registro Elettronico Nazionale).

Possono accedere alle agevolazioni le aziende di tutte le dimensioni.

Sono finanziabili veicoli appartenenti a diversi classi di peso e con diversi sistemi di trazione, rimorchi e semirimorchi, nonché casse mobili.

Può essere presentata una domanda di contributo entro il 15 aprile 2019 dopo aver effettuato l’investimento.

Ulteriori informazioni riguardanti lo strumento finanziario sono contenute nella Notizia n. 171/2018 (cliccare qui).

2. Agevolazioni nel campo del risparmio energetico, delle energie rinnovabile e della elettromobilità

2.1. Incentivi a livello locale

a) Risparmio energetico/energie rinnovabili

La provincia di Bolzano prevede agevolazioni a favore delle imprese di tutte le classi dimensionali che effettuano ad esempio i seguenti investimenti in provincia di Bolzano:

-Coibentazione di edifici esistenti;

-Recupero di calore da impianti di ventilazione, bilanciamento idraulico di impianti di riscaldamento e di condizionamento esistenti;

-Installazione di impianti di riscaldamento a biomassa solida con caricamento automatico.

Secondo le informazioni dell’Ufficio provinciale per il risparmio energetico è possibile presentare nuovamente domande di contributo a partire da gennaio e fino alle fine di giugno 2019.

Ulteriori informazioni (come ad es. l’elenco completo degli investimenti agevolabili) sono contenute nella Notizia n. 52/2017 (cliccare qui) e possono essere scaricate dalla seguente pagina internet.

http://ambiente.provincia.bz.it/energia.asp

b) Mobilità elettrica

Vengono agevolati l’acquisto di veicoli elettrici, biciclette cargo e stazioni di ricarica. Sono beneficiarie le imprese di tutte le classi dimensionali che esercitano un’attività economica in Alto Adige.

L’agevolazione viene concessa nell’ambito della regola del de-minimis. Ogni impresa può presentare una domanda all’anno.

La Notizia n. 64/2018 (cliccare qui) contiene ulteriori dettagli della misura agevolativa (come ad es . la descrizione dei veicoli agevolabili).

La domanda di contributo può essere scaricata qui:


2.2. Agevolazioni a livello statale

a) Detrazione fiscale per il risparmio energetico

Sono previste detrazioni fiscali ad esempio per il risanamento energetico degli edifici aziendali, per la sostituzione di finestre, l’installazione di panelli solari per la produzione di acqua calda e per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

L’agevolazione può arrivare fino al 65% (85% nel caso di condomini) dei costi ammessi per le misure implementate entro il 31.12.2018. La detrazione fiscale viene concessa in 10 rate costanti.

Ulteriori informazioni sono contenute nella Notizia n. 4/2018 (cliccare qui), sul sito internet dell’ENEA (cliccare qui) e in un’apposita guida dell’Agenzia delle entrate (cliccare qui).

Il disegno della legge finanziaria 2019 prevede una proroga della detrazione fiscale.

b) Agevolazioni del G.S.E.

Il G.S.E (Gestore dei servizi energetici) finanzia interventi per il miglioramento dell’efficienza energetica delle aziende. Sono previsti i seguenti strumenti:

Conto termico: viene incentivata la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e agevolate misure per migliorare l‘efficienza energetica. Tra gli interventi finanziabili figurano la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con pompe di calore o generatori alimentati da biomassa e l’installazione di collettori solari termici.

Certificati bianchi: il meccanismo dei certificati bianchi si basa sull‘ obbligo dei distributori di energia elettrica e gas con più di 50.000 clienti, di raggiungere un determinato target di risparmio energetico, dimostrato tramite il possesso di certificati bianchi.

Accanto ai soggetti obbligati anche i cosiddetti soggetti volontari, come ad es. le imprese, possono richiedere i certificati bianchi (direttamente oppure tramite le ESCO).

Il meccanismo dei certificati bianchi è basato sul mercato e non è selettivo rispetto ai beneficiari e alle tecnologie (sono cioè ammessi tutti gli interventi che comportano una riduzione dell’energia primaria).

Ulteriori dettagli sugli strumenti finanziari sopraindicati possono essere scaricati qui:

Ulteriori agevolazioni:

La panoramica completa delle agevolazioni gestite dal G.S.E. è disponibile sul sito internet

https://www.gse.it/servizi-per-te/imprese

3. Assunzione di persone disabili: contributi provinciali per l’adattamento del posto di lavoro

La Provincia autonoma concede contributi, alle imprese di tutte le classi dimensionali, per l’adattamento del posto di lavoro alle esigenze delle persone disabili. Sono agevolabili i costi sostenuti per l’adattamento del posto di lavoro e l’acquisto delle attrezzature necessarie.

Le domande di contributo possono essere presentate in qualsiasi momento, ma in ogni caso vanno presentate prima dell’avvio del progetto. È necessario che il dipendente venga assunto con contratto a tempo indeterminato e che abbia un certo grado di disabilità. Il contributo viene concesso per i sovracosti, non per l’intero investimento.

Ulteriori informazioni sono contenute della Notizia n. 208/2016 (cliccare qui).

4. Ulteriori informazioni

La persona di riferimento all’interno di Assimprenditori è Georg Müller (Tel. 0471/220444, g.mueller@assoimprenditori.bz.it).






Riferimenti: Georg Mueller - g.mueller@unternehmerverband.bz.it



© Assoimprenditori Alto Adige - 2018