Unternehmerverband Südtirol - Assoimprenditori Alto Adige - Notizia internet n. A00277-2017 del 12/07/2017






Cerca nel nostro sito





Home > Notiziario LOGIN

Notiziario

Cod. Notizia: A00277-2017


Data di pubblicazione: 12/07/2017

Certificato di pagamento – elementi essenziali per validità: le caratteristiche e prescrizioni formali del certificato di pagamento negli appalti pubblici

Il certificato di pagamento deve - per essere valido ed efficace - presentare determinate caratteristiche obbligatorie, altrimenti il certificato è nullo e/o inefficace


A seguito dei dubbi sollevati da alcune imprese associate si ritiene necessario precisare che il certificato di pagamento è un atto amministrativo e come tale deve, per essere valido ed efficace, avere determinate caratteristiche obbligatorie.
Ciò premesso, ai sensi della normativa vigente, un certificato di pagamento, come atto amministrativo emesso dopo ogni SAL e finalizzato al pagamento dell’impresa, per essere valido ed efficace, deve presentare le seguenti caratteristiche:

- Ai sensi del D.P.R. 207/2010 il responsabile unico del procedimento deve, previa verifica della regolarità contributiva dell’affidatario e del subappaltatore, rilasciare il certificato di pagamento, che viene compilato sulla base dello stato di avanzamento presentato dal direttore dei lavori. Dunque il RUP è l’organo competente della Pubblica Amministrazione ad emette il certificato di pagamento sulla base dei documenti contabili predisposti dal Direttore dei Lavori, il quale non può quindi emettere il certificato di pagamento;

- Per essere valido ed efficace, il certificato redatto dal RUP deve essere firmato da lui, perché un atto amministrativo privo di sottoscrizione è nullo per difetto di forma scritta. La sottoscrizione è elemento indispensabile che dà approvazione all’atto formale, che costituisce la volontà del soggetto agente, cioè della Pubblica Amministrazione e che ne individua la paternità. In sostanza, mancando la sottoscrizione del RUP manca anche la volontà certificativa, di conseguenza il certificato è nullo ed inefficace.

- Per quanto riguarda il termine, per gli appalti banditi prima del 20/05/2017 valgono i termini di 30 giorni per l’emissione del certificato di pagamento, mentre per gli appalti banditi dopo il 20/05/2017 valgono i termini di 45 giorni. I termini decorrono dall’adozione di ogni SAL. Una volta emesso il certificato il RUP deve inviarlo successivamente alla stazione appaltante che a sua volta deve emettere il mandato di pagamento entro 30 giorni dalla data di rilascio del certificato di pagamento. Per questo motivo costituisce elemento essenziale anche la data del certificato di pagamento, altrimenti il destinatario non potrebbe verificare il rispetto dei termini indicati dalla legge. La mancata data comporta l’irregolarità del certificato di pagamento;

Per maggiori informazioni è a disposizione dott.ssa Tanja Ziernhöld






Riferimenti: Tanja Ziernhoeld - t.ziernhoeld@unternehmerverband.bz.it



© Assoimprenditori Alto Adige - 2017