<span id="view:_id1:_id2:computedField5" class="xspTextComputedField">Unternehmerverband S&uuml;dtirol - Assoimprenditori Alto Adige</span>
Home>>Job estivi per i giovani nelle aziende organizzate a livello industriale

Job estivi per i giovani nelle aziende organizzate a livello industriale





Job estivi per i giovani

I giovani con una buona formazione e solide conoscenze economiche di base sono una delle risorse più importanti per lo sviluppo delle imprese e della società. Per questo motivo, Assoimprenditori Alto Adige anche abbiamo chiesto alle imprese associate di comunicarci la disponibilità ad offrire job estivi ai giovani.



In allegato è pubblicata la lista delle imprese associate, che durante la prossima estate sono in linea di massima disposte ad assumere giovani. Questa lista è aggiornata al 28.02.2018 e verrá mantenuta sempre aggiornata. I giovani interessati possono mettersi in contatto direttamente con le imprese via E-Mail.

Ci preme sottolineare che numerose imprese hanno già deciso quanti e quali giovani assumere durante l’estate. I nomi di queste imprese non sono riportati nella nostra lista. E’ comunque da tenere in considerazione che la nostra lista non è da considerare definitiva e completa, anche perchè numerose imprese assumeranno giovani durante i mesi estivi anche senza aver partecipato alla nostra iniziativa.

Job estivi per i giovani: le tipologie contrattuali principali

1. Tirocini formativi e di orientamento: sono forme contrattuali che non costituiscono un rapporto di lavoro bensì forme di completamento della formazione del ragazzo. Possono essere stipulati con ragazzi di almeno 15 anni di età per profili di norma predefiniti, ma anche per attività che di volta in volta devono essere descritte. L’accesso all’effettivo svolgimento del tirocinio è in ogni caso subordinato all’approvazione della Ripartizione Lavoro della Provincia Autonoma di Bolzano. I giovani percepiscono un compenso di un importo suggerito pari a 600 Euro lordi mensili. Su tale importo non è dovuta la contribuzione previdenziale; i ragazzi devono tuttavia essere coperti da assicurazione INAIL nella misura prevista dall’attività lavorativa nella quale viene inserito il ragazzo e da una polizza assicurativa per RCT; tale contratto può essere stipulato per un massimo di 10 mesi nella vita del giovane e con studenti o neo-diplomati/neolaureati che non abbiano svolto in precedenza un’attività lavorativa nello stesso settore economico; dato il modesto valore complessivo di tale compenso, esso ricade di norma nella fascia esente da imposizione fiscale. Si evidenzia infine che gli uffici provinciali rilasciano autorizzazioni a tirocini formativi anche fuori dal periodo estivo, ma unicamente per studenti universitari o studenti di istituti parauniversitari, di qualificazione professionale con laurea breve.

2. Contratti estivi: si tratta di particolari contratti di lavoro a tempo determinato che possono essere svolti nel periodo da giugno ad ottobre di ogni anno a completamento della formazione scolastica con una durata da 6 a 14 settimane. Data la natura formativa di tali contratti, le parti sociali hanno concordato una retribuzione ridotta graduata in funzione del livello formativo raggiunto; si va dal 55 percento della retribuzione dei ragazzi che hanno frequentato il 1° anno di scuola superiore (se di età almeno pari a 16 anni), al 65 percento per gli studenti del 2° anno, al 75 percento per gli studenti degli anni successivi, all’85 percento per gli studenti universitari o similari; per tale tipologia contrattuale si procede come per i normali contratti di lavoro dipendente a tempo determinato, non è necessaria alcuna autorizzazione; gli oneri previdenziali ed assicurativi si versano sulla retribuzione ridotta, ma con l’aliquota aggiuntiva dell’1,4 percento introdotta dalla L. 92/2012 (Riforma Fornero); l’imposizione fiscale avviene in maniera ordinaria.

3. Contratti di lavoro a termine: si tratta dei normali contratti di lavoro a tempo determinato stipulabili con la generalità dei lavoratori dipendenti e regolamentati dal D.Lgs. 81/2015 (articoli 19-29). Si rammenta che non è più necessaria una causale per l’apposizione del termine nei contratti a tempo determinato. Possono dunque essere in ogni caso stipulati dei contratti di tale tipologia, nell’ambito dei limiti quantitativi massimi previsti dalla contrattazione collettiva o dalla legge. Tali contratti possono essere prorogati per un massimo di 5 volte per una durata massima complessiva di 36 mesi. Il contratto a termine è accessibile a partire dal 16° anno di età; contribuzione con l’aliquota aggiuntiva dell’1,4 percento introdotta dalla L. 92/2012 (Riforma Fornero); l’imposizione fiscale avviene in maniera ordinaria.

4. Prestazioni di lavoro occasionali e contratto di prestazione occasionale (“Voucher”): si rimanda alla nostra Circolare n. 144 del 7 luglio 2017.





File TypeSizeFile Name
application/pdf 43 KB Sommerjobs2018.pdf








© Unternehmerverband Südtirol 2015