<span id="view:_id1:_id2:computedField5" class="xspTextComputedField">Unternehmerverband S&uuml;dtirol - Assoimprenditori Alto Adige</span>
23/09/2019
L’Europa deve procedere forte e unita





Insieme a rappresentanti di associazioni economiche provenienti da Francia, Spagna, Austria e Ungheria, il direttore di Assoimprenditori Josef Negri ha discusso la settimana scorsa dello stato e del futuro dell’Unione Europea in occasione del congresso degli industriali bavaresi del vbw (Vereinigung der Bayerischen Wirtschaft).

Con il motto “Europa: forte, snella, stabile”, i rappresentati delle imprese hanno rivendicato un programma chiaro e concreto per rendere l’UE in grado di affrontare le prove del futuro. “Le guerre commerciali internazionali, la Brexit, ma anche i problemi a livello istituzionale e la situazione politica nazionale in alcuni stati importanti mostrano la complessità e l’incertezza davanti alla quale si trova l’Unione Europea. In molti settori l’Europa deve essere più unita e presentarsi forte e coesa a livello globale. Un’Europa più forte ha senso, ad esempio, nelle politiche commerciali, di asilo, estere, di sicurezza e migrazione. Soltanto con una voce europea forte saremo in grado di affrontare con successo le molteplici sfide che abbiamo davanti”, concordano i rappresentati delle diverse organizzazioni industriali europee.

“La definitiva realizzazione del mercato unico europeo è uno degli obiettivi centrali e rappresenta l’identità europea. In questo sono inclusi obiettivi come l’armonizzazione fiscale o il mercato unico digitale. Solo in questo modo possiamo sfruttare al massimo il potenziale di crescita dell’economia digitale” ha sottolineato Bertram Brossardt, direttore generale di vbw.

Il direttore di Assoimprenditori Alto Adige Josef Negri ha parlato del ruolo d’avanguardia dell’Europa nella sostenibilità sociale, economica e ambientale: “Con il 7 per cento della popolazione mondiale, l’Europa produce circa un quarto della produzione economica globale e la metà delle prestazioni sociali a livello mondiale. Abbiamo bisogno di più Europa anche nella politica ambientale e climatica: questa deve essere intelligente, innovativa e libera da ideologie. Deve stabilire obiettivi raggiungibili e realistici, che possano consentire ai settori interessati di trasformarsi, deve essere aperta alla tecnologia e basarsi su soluzioni che arrivano dal mondo dell’economia”, così Negri.





1Primo piano
  INGRANDISCI







© Unternehmerverband Südtirol 2019