0-Anonimo

Pubblicato il: 20.07.2022
Scritto da:
Marchiodi Mirco

Nuovi spazi per l’industria: decisione lungimirante del Comune di Bolzano

La giunta comunale di Bolzano nella sua seduta del 18 luglio ha dato il via libera alla trasformazione da verde agricolo a zona produttiva di un’area in via Castel Firmiano. In questo modo si recuperano spazi per l’insediamento di un’impresa produttiva locale altamente innovativa.

“Il senso dell’appello comune con le organizzazioni sindacali sul futuro dello sviluppo della nostra terra è stato compreso: viene riconosciuta l’importanza delle imprese manifatturiere e la necessità che l’Alto Adige resti una terra innovativa, ricca di posti di lavoro altamente qualificati e orientata ai bisogni delle generazioni future”, dichiara soddisfatto il Presidente di Assoimprenditori Alto Adige Heiner Oberrauch.

Assoimprenditori condivide in pieno le dichiarazioni del sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi, che nel motivare la decisione della giunta ha sottolineato l’importanza di imprese leader che creano innovazione, investono in ricerca, garantiscono posti di lavoro altamente qualificati e contribuiscono in maniera determinante allo sviluppo del territorio tramite i loro investimenti e le tasse e imposte che versano sul territorio. “Confidiamo che sulla base di questi ragionamenti Bolzano approvi rapidamente il piano di classificazione acustica comunale tenendo conto delle necessità delle imprese produttive di Bolzano Sud”, afferma il Presidente Oberrauch.

La delibera della giunta comunale di Bolzano è spunto per fare un ragionamento più ampio a livello di sviluppo territoriale. “Gli strumenti di pianificazione urbanistica a livello comunale e provinciale (piani di rischio, piani comunali di classificazione acustica, piani di sviluppo, ecc.) stanno diventando sempre più spesso documenti di programmazione strategica. In questi documenti bisogna riservare un ruolo centrale all’industria e alle aree produttive, che occupano una parte infinitesimale del nostro territorio – meno dello 0,5% della superficie complessiva –, ma dove viene realizzato il maggior valore aggiunto. Se vogliamo davvero sostenere quelle imprese che, attraverso i loro investimenti in ricerca, sviluppo ed efficienza energetica possono contribuire maggiormente alla transizione ecologica e digitale, allora dobbiamo garantire risposte certe in tempi brevi alle richieste di ampliamento e/o insediamento di imprese produttive orientate all’innovazione. Le aree produttive, a partire dalla zona industriale di Bolzano Sud, sono determinanti per il futuro della nostra terra”, chiude Oberrauch.