0-Anonimo

Pubblicato il: 20.09.2022
Scritto da:
aconteassoimprenditoribz

Incontro tra associazioni imprenditoriali europee a Monaco: all’Ue serve più compattezza

 

Nell’ambito di un incontro tra rappresentanti di diverse associazioni imprenditoriali europee è stata avanzata la richiesta all’Ue di essere più compatta e di mostrarsi più forte in ambito di politica estera.

Dopo l’invasione ordinata da Putin, gli Stati membri hanno saputo agire in maniera unitaria e decisa.  “Accogliamo con favore il vasto pacchetto di sanzioni contro Russia e Bielorussia. Siamo infatti certi che le sanzioni faranno sentire ancor di più la loro efficacia sul medio e lungo periodo. L’unità raggiunta in questo ambito va conservata. Se invece gli Stati membri dell’Ue esprimono posizioni discordanti, l’Europa perde credibilità”, ha sottolineato il padrone di casa e direttore generale dell’Unione dell’economia bavarese “Vbw”, Bertram Brossard.

All’incontro, in rappresentanza dell’Italia ha preso parte il direttore di Assoimprenditori Alto Adige, Josef Negri: “Oltre che dalla guerra in Ucraina, la sicurezza in Europa è minacciata anche da altri fattori, come il cambiamento climatico o l’aumento dei prezzi dei beni alimentari sul mercato mondiale. Dobbiamo tenere monitorati gli effetti nei più diversi settori e trovare una soluzione comune a livello europeo. In particolare, ciò è urgente e necessario in riferimento alla crisi energetica”, ha chiarito Negri.

All’evento erano presenti anche i vertici di associazioni imprenditoriali di Austria, Francia, Spagna e Ungheria: “Nonostante tutto abbiamo motivo di essere fiduciosi. Alla fine la tanto citata transizione in diversi ambiti deve rappresentare anche una svolta verso un futuro in cui conquistiamo maggiori certezze e sicurezza. La sicurezza è il fondamento della stabilità politica e sociale e su di essa si basano il benessere e il successo economico delle nostre imprese”, è stato il ragionamento unanime emerso dall’incontro.